CONTACT IMPROVISATION E-mail
Written by Administrator   
Wednesday, 27 February 2008 10:23

Contact Improvisation è un genere di danza.
Nasce negli Stati Uniti nei primi anni 70 da un gruppo di giovani ginnasti, che, guidati dal danzatore Steve Paxton, indagavano sulle possibilità d'espressività del corpo al di fuori di schemi codificati e predefiniti da un'impostazione classica del movimento.


Agli inizi degli anni 70 Steve Paxton realizzò una serie di performance di danza d'improvvisazione, negli Stati Uniti.
Nel 1972 egli presentò per la prima volta un pezzo chiamato " Magnesium" in cui lui ed undici suoi danzatori si esibirono sui tappeti per la lotta, davanti ad un pubblico in una grande palestra.

Molti di coloro che avevano assistito a quegli eventi, hanno voluto imparare, e, da allora, la contact improvisation è diventata una forma di danza praticata in tutto il mondo.
Divenne in breve l'esperienza chiave della “Postmodern” e “New Dance” e, allo stesso tempo, una vitale forma di danza sociale, con le potenzialità di sviluppare un forte senso di comunità tra coloro che la praticavano.

Caratteristica fondamentale della contact improvisation è l'improvvisazione, cioè la possibilità di muoversi creativamente all'interno di regole condivise, sia predefinite sia elaborate nell'arco del processo.
L'improvvisazione contiene un livello d'abilità del tutto al di sopra delle personali qualità di movimento.

La contact improvisation si pone come un approccio globale al corpo e s'interroga sui processi creativi e motori percettivi, sul significato del messaggio e della comunicazione e sulla lettura della performance.
Attraversa molti confini e ha il potere di unire persone eterogenee.

Offre l'opportunità a persone con differenti fisicità e di diverse provenienze di muoversi insieme. E' un'esplorazione ed un'esperienza; i danzatori non sono più soltanto degli esecutori, ma diventano parte di essa.
La sua pratica permette la condivisione di un linguaggio che consente di danzare insieme, rispettando le proprie differenze.

Fondamentale nella contact improvisation è la coscienza delle sensazioni fisiche che accadono tra due o più partner in gioco motorio tra loro e in contatto con la terra.
La contact improvisation è basata sul contatto fisico tra i danzatori, tramite esso i performer si concentrano sul flusso d'energia che scorre fra di loro, causato dalla pressione e dallo spostamento del peso quando si toccano.
I danzatori rimangono in contatto durante l'intera esecuzione e, muovendosi con il flusso d'energia, formano una varietà sorprendente di " body links" (collegamenti dei corpi come anelli di una catena).

Danzare con l'altro/altri apre un territorio fatto di sorprese e imprevisti, invita a confrontarsi con i limiti e le abitudini percettive, fa capire che, per utilizzare tutte le possibilità del corpo, pensiero e azione devono procedere insieme. Per queste ragioni facilita comportamenti d'ascolto, di valorizzazione delle differenze, di cooperazione., e può rappresentare anche una forma di danzaterapia.
Quando l'abilità dell'ascoltare e del rispondere si sviluppa nella giusta sintonia, allora la danza si arricchisce.

Praticare la contact richiede, e allo stesso tempo apporta, un rilassato e aperto stato del corpo e della mente. Le persone con un interesse professionale o personale nella ricerca della sintonia con i loro corpi – danzatori, dottori e terapeuti del movimento, attori, musicisti, giovani, anziani, abili e disabili – pensano che la contact sia una maniera per esplorarne il significato.

La sua pratica è stata la fonte per nuovi arricchimenti nella danza e ha profondamente influenzato la coreografia contemporanea.

 

Last Updated on Sunday, 08 February 2009 20:41